NASPI – ASSEGNO DI DISOCCUPAZIONE

La NASPI (disoccupazione) è sussidio statale per chi ha perso il lavoro.  L’assegno di disoccupazione 2018 dell’Inps – Istituto Nazionale Previdenza Sociale – ci sarà anche per il nuovo anno solare. Il sostegno per tutti coloro i quali hanno perso il lavoro non per propria volontà avranno un sussidio statale. Ma qual è la durata e l’importo dell’assegno di disoccupazione 2018?

Ricordiamo che la conditio sine qua non per accedere a tale prestazione è che il rapporto non si sia interrotto con le dimissioni volontarie.

Assegno di disoccupazione 2018: la durata

-> Durata massima 24 mesi

La durata della Naspi 2018 varia a in base ai contributi versati negli ultimi 4 anni antecedenti alla data del licenziamento. La durata massima dell’indennità di disoccupazione è di 24 mesi.
Nello specifico la Naspi spetta per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni, escludendo i periodi coperti da contributi figurativi che hanno già dato luogo al pagamento di prestazioni di disoccupazione precedenti.

 Calcolo dell’importo Naspi

-> Importo massimo NASPI 1313,30 € LORDI

Estratto conto contributivo alla mano, si devono sommare tutti gli importi relativi alle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali percepite negli ultimi 4 anni, dividerle poi per il numero di settimane di contribuzione, e moltiplicare il risultato per il coefficiente 4,33.

  • Se il risultato di tale calcolo dà un importo pari o inferiore a 1.195 euro: l’importo della NASPI cui si ha diritto è pari al 75%.
  • Se il risultato dà un importo maggiore a 1.195 euro: alla quota del 75% va aggiunto un importo pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo.

Sistema contributivo

Attenzione al requisito contributivo: nei 4 anni precedenti alla disoccupazione bisogna aver maturato almeno 13 settimane di contribuzione e negli ultimi 12 mesi e 30 giornate di lavoro effettivo. 

Ci sono dei casi in cui l’arco dei 30 giorni da prendere in esame, può essere ampliato come i periodi di:

  • malattia e infortunio sul lavoro;
  • cassa integrazione straordinaria ed ordinaria a zero ore;
  • assenza per congedi e/o permessi 104;
  • Congedo obbligatorio di maternità;
  • Congedo parentale.

Nel calcolo dei contributi utili a fini Naspi, il lavoratore, può comprendere anche i contributi figurativi accreditati nei periodi di:

  • maternità obbligatoria;
  • congedo parentale, sempre se regolarmente indennizzato;
  • astensione dal lavoro per malattia dei figli.

One comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.