MODELLO 730, CHI LO DEVE FARE. MODALITA’ E SCADENZE

Modello 730 si, Modello 730 no! In quali casi siamo obbligati a farlo? Entro quando va fatto? Come si svolge?

Cerchiamo di mettere in ordine le cose.

Chi lo deve fare?

La compilazione del Modello 730 in realtà si rende obbligatoria in varie situazioni; quelle generalmente più comuni sono le seguenti:

  • possedere 2 o più CU (certificazione unica)
  • essere titolari di Contratti di Affitto a proprio favore
  • avere un reddito italiano (pensione o lavoro) ed uno estero
  • avere redditi diversi oltre quello da lavoro dipendente

In realtà le casistiche maggiori, per quel che riguarda la platea che seguiamo cioè quella dei lavoratori dipendenti, sono relative ai primi due punti. Infatti è necessario svolgere il 730 nel caso in cui si sia in possesso di almeno due CU o si percepisca un affitto a favore oltre al normale reddito. Nello specifico i dipendenti del settore delle Costruzioni percepiscono annualmente l’ APE (Anzianità Professionale Edile) per la quale la Cassa Edile emette CU; va da sè che tutta questa platea è obbligata a fare dichiarazione dei redditi.

Quando va fatto e come si svolge?

La Campagna Fiscale 2018 è iniziata il 3 aprile e terminerà il 7 di luglio. Sulla data di fine campagna spesso vengono successivamente attuate delle proroghe, è bene però non ridursi all’ultimo momento per evitare spiacevoli intoppi.

Per redigere il modello 730 potete rivolgervi in qualsiasi momento al CAF della UIL della nostra provincia o contattare telefonicamente il Dirigente FENEALUIL dedicato Dejan Pean (cell: 3881887061). Sostanzialmente vanno messe da una parte tutte le competenze relative al 2017 come:

  • spese mediche
  • visite specialistiche
  • spese odontoiatriche
  • interessi su mutuo prima casa
  • contratto di affitto
  • CU azienda
  • CU Cassa Edile (per lavoratori delle costruzioni)
  • atto di acquisto e atto di mutuo prima casa

Quella sopra indicata è una selezione delle molteplici voci detraibili o deducibili in dichiarazione. Chiaramente ne esistono molte altre (es. spese condominiali straordinarie, spese per risparmio energetico, ecc), ma queste sono le più comuni.

Non esitate a contattarci, non svolgere la dichiarazione comporterà sanzioni da parte della Agenzia delle Entrate.

Il Dirigente Sindacale, Dejan Pean (cell:3881887061)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.